CRIF: Come Sapere se si è Cattivo Pagatore e Cancellare il proprio nome



Generalmente quando una persona viene “bollata” come cattivo pagatore, inevitabilmente, poi il suo nome viene segnalato e inserito all’interno di un database conosciuto con il nome di CRIF. Ma di cosa si tratta?

Come si fa a sapere se si è considerati cattivi pagatori? E come si cancella il proprio nome dal CRIF? Scopriamolo insieme in questo articolo.

 

Cos’è il CRIF

Contrariamente a quello che tutti credono il CRIF non è solo la banca dati dove vengono inseriti i dati dei cattivi pagatori, infatti all’interno di questo database sono presenti i nominativi di chiunque abbia aperto oppure fatto richiesta (accettata o respinta) per:

  • Un mutuo
  • Un finanziamento
  • Un prestito personalizzato
  • Un pagamento rateizzato
  • Una concessione

Sostanzialmente, all’interno del CRIF vengono registrati sia tutti i dati negativi sia tutti quelli positivi e, in questo modo non solo è possibile tutelare gli enti creditizi, ma si agevolano anche le erogazioni di prestiti per i clienti che si sono sempre dimostrati puntuali nei pagamenti.

 

Come Sapere se si è Cattivo Pagatore

Un cliente che vuole sapere se è stato segnalato come cattivo pagatore, ottenendo di conseguenza tutte le informazioni contenute all’interno del database, deve fare una visura direttamente tramite il CRIF e, tale richiesta può essere effettuata in via telematica.

Ovvero, è sufficiente collegarsi al sito e indicare qual è il tipo di richiesta che si desira inoltrare (è possibile indicare anche più di un opzione), in questo caso specifico bisognerà spuntare le seguenti caselle:

  • A

Che riporta la seguente dicitura: “Chiedo di conoscere i dati registrati sul Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

  • D

Che riporta la seguente dicitura: “Chiedo di conoscere le informazioni raccolte da CRIF presso i Tribunali e gli Uffici di Pubblicità Immobiliare

 

Dopodiché basterà scorrere fino al fondo della pagina e cliccare su continua, a questo punto verrà richiesto di inserire i propri dati:

  • Nome e cognome e, facoltativamente, il numero di telefono
  • Il proprio indirizzo
  • Il numero del Documento d’identità (andando sul menù a tendina si può trovare l’opzione “Tipo di documento“)

Infine occorre selezionare la modalità in cui si preferisce ricevere la risposta, ovvero per email oppure tramite posta ordinaria e, dopo circa 15 giorni (se si sceglie la via telematica, in quanto diversamente potrebbe volerci di più), il CRIF fornirà tutte le informazioni richieste.

 

Come Cancellare il Nome dal CRIF

Sfortunatamente non si può inoltrare al CRIF una richiesta di cancellazione del proprio nome dalla black list dei cattivi pagatori, in quanto quest’operazione avviene in automatico dopo un determinato periodo di tempo.

Generalmente i tempi di fissi di conservazione, a meno che non siano state inoltrate richieste specifiche o si ci trovi davanti a casi particolari, sono i seguenti:

  • Se il richiedente rifiuta o annulla un finanziamento i dati si cancellano dopo 30 giorni dalla richiesta
  • Per un finanziamento in fase di valutazione i dati si cancellano dopo 6 mesi
  • Per un ritardo sul rimborso per un massimo di due rate viene applicata una mora e i dati si cancellano dopo 12 mesi ma solo se i pagamenti successivi sono regolari, invece se la rate dovute sono superiori a due i dati si cancellano dopo 24 mesi, mentre se il finanziamento non è mai stato rimborsato i dati si cancellano dopo 36 mesi da quando è stato stipulato il contratto (in questo caso, però, lo status di cattivo pagatore rimane segnalato su altri canali in quanto scatta una denuncia e la pratica passa in mano a un’agenzia di recupero crediti, per poi andare in prescrizione dopo 5 anni)
  • Per i finanziamenti che sono sempre stati pagati regolarmente i dati si cancellano dopo 36 mesi che gli stessi sono scaduti (ovvero saldati).