Prestito Ristrutturazione

Il prestito ristrutturazione, come può certamente far intuire il suo nome, serve per richiedere una somma di denaro da destinare all’acquisto di beni o servizi che consentano al proprietario di una casa di poter sostenere i lavori di ristrutturazione.

Prestito Ristrutturazione

Prestito ristrutturazione casa

Si tratta quindi di un prestito finalizzato perché il denaro che il cliente potrà richiedere presso l’istituto di credito dovrà poi essere obbligatoriamente destinato ai lavori di manutenzione e di ristrutturazione del proprio appartamento. Non esistono delle vere e proprie linee guida per questa forma di credito ed infatti ciascun istituto di credito ha una promozione dedicata alla ristrutturazione della casa che consente di ottenere benefici e di soddisfare le varie esigenze di chi lo richiede.

 

Prestito ristrutturazione prima casa

Quando si è alla ricerca di un finanziamento per ristrutturare la casa è necessario specificare se si tratta dei lavori da attuare alla prima casa o ad una seconda abitazione. Perché questa importante distinzione? Solitamente per la prima casa vengono applicate delle particolari promozioni proprio per andare incontro a chi possiede un’unica abitazione ed ha la necessità di effettuare dei lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria tali da dover richiedere un finanziamento per poterli sostenere.

 

Prestito ristrutturazione casa Poste Italiane

Diverse persone ci hanno chiesto se il gruppo Poste Italiane dispone di un finanziamento dedicato alla ristrutturazione della casa. La risposta è affermativa, il nome che è stato associato a tale promozione è Prestito BancoPosta Ristrutturazione Casa. Sarà possibile richiedere dai 10.000€ ai 60.000€ da rimborsare in un periodo che va dai 36 ai 120 mesi. Il denaro viene accreditato sul conto BancoPosta del cliente e sempre dal conto verranno effettuati i pagamenti che avverranno con addebito diretto sul conto BancoPosta. E’ necessario che il richiedente abbia un reddito dimostrabile e che questo sia prodotto in Italia. I documenti richiesti, oltre al preventivo di spesa per gli interventi di ristrutturazione sono un documento reddituale, la tessera sanitaria ed un documento d’identità.



 

Prestito ristrutturazione Mediolanum

Anche Banca Mediolanum ha una sua linea di credito finalizzata agli interventi di ristrutturazione in casa. L’offerta commerciale prende il nome di Mediolanum Riparti Italia e può essere richiesta da coloro che hanno un conto corrente presso la Banca Mediolanum da almeno sei mesi. Sarà possibile richiedere dai 4.000€ ai 100.000€ da rimborsare entro minimo un anno e massimo dieci anni.

 

Prestito ristrutturazione Unicredit

Il Prestito Ristrutturazione per la Casa di Banca Unicredit permette di finanziare tutti i lavori di ristrutturazione della propria abitazione sino ad un massimo di 100.000€ da rimborsare entro dieci anni. Non è necessario avere delle garanzie reali e potrà essere rimborsato con un addebito mensile sul proprio conto corrente o su una carta prepagata ricaricabile Genius Card. Quest’ultima opzione è selezionabile solo se l’importo del finanziamento richiesto non va a superare i 30.000€.

 

Prestito ristrutturazione casa non di proprietà

Cosa accade se chi richiede il finanziamento non è il proprietario dell’immobile? Pensiamo al caso della persona che abita nella casa dei genitori e deve fare dei lavori di ristrutturazione. Come agire? Se la casa è ancora intestata ai genitori (o a terze persone) il richiedente potrà sempre chiedere un prestito per ristrutturare la casa ma sarà necessario che nell’atto intervengano anche i proprietari come “terzi datori di ipoteca” in quanto veri titolari della casa in cui avverranno i lavori.

 

Mutuo ristrutturazione

Per ottenere dalla banca un mutuo ristrutturazione è necessario stabilire innanzitutto il tipo di lavori che si andranno ad effettuare sull’immobile. Per la manutenzione ordinaria sarà sufficiente presentare un preventivo di spesa che verrà rilasciato da chi si occuperà di effettuare i lavori. Per la manutenzione straordinaria, oltre al preventivo di spesa sarà necessario un progetto edilizio e la domanda di autorizzazione edilizia presentata al Comune. Per i lavori di ristrutturazione con grandi opere saranno invece necessari il preventivo di spesa, la concessione edilizia e la ricevuta del versamento dei contributi dovuti all’amministrazione comunale.

Salva

Salva




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi