Prestiti per Stranieri

Per poter richiedere i prestiti per stranieri è necessario disporre di particolari requisiti. Chi non è cittadino italiano ma comunitario o extracomunitario può richiedere un finanziamento a patto che il richiedente abbia un lavoro ed un regolare permesso di soggiorno (o carta di soggiorno).

Prestiti-per-Stranieri

E’ indispensabile che il cittadino straniero che vuole richiedere il prestito sia residente in Italia o che abbia un permesso di soggiorno regolare e che abbia un reddito dimostrabile dalla busta paga. Per non avere problemi di alcun genere e per non vedere la propria richiesta di finanziamento rifiutata sarebbe opportuno che il richiedente, al momento della richiesta, abbia già effettuato almeno sei mesi di lavoro con un contratto a tempo indeterminato.

Nella categoria dei prestiti per stranieri vengono inclusi: i finanziamenti tramite la cessione del quinto dello stipendio, i prestiti delega ed i prestiti per studenti stranieri.

I prestiti personali con la cessione del quinto dello stipendio per stranieri permettono al richiedente di richiedere anche importi di denaro considerevoli che saranno poi restituiti non con il pagamento delle rate mensili ma tramite l’addebito diretto sulla propria busta paga. Ogni mese quindi il datore di lavoro si occuperà dei pagamenti. Con questo sistema è possibile pagare ogni mese un importo massimo pari ad un quinto di quanto percepito.



Un’altra soluzione simile alla cessione del quinto è rappresentata dai prestiti delega che vengono sempre rimborsati tramite una trattenuta dal proprio stipendio ma la quota trattenuta può arrivare sino al 40% di quanto percepito.

Anche chi non lavora ma ad esempio è uno studente può usufruire di un prestito personale per studenti stranieri. Gli studenti più meritevoli di un ateneo universitario, residenti in Italia, possono richiedere dei finanziamenti per sostenere tutte le spese relative all’Università ed a tutti i percorsi formativi inerenti.

Per quello che riguarda tutti gli altri prestiti personali, i cittadini stranieri possono richiederli a patto che siano in possesso delle garanzie reddituali necessarie. I lavoratori dipendenti, come abbiamo già detto, dovranno fornire la busta paga per ottenere il finanziamento, i lavoratori autonomi ed i professionisti invece potranno accedere ai prestiti personali per stranieri utilizzando come garanzia economica il Cud o la propria dichiarazione dei redditi.

Ricordiamo ancora una volta che il cittadino non italiano ma comunitario o extracomunitario per poter accedere ai prestiti personali in Italia devono necessariamente essere in possesso della residenza italiana o di un permesso di soggiorno o carta di soggiorno validi.

La cessione del quinto potrà essere richiesta esclusivamente dai cittadini comunitari o extra-comunitari che sono lavoratori dipendenti da almeno sei mesi e che dispongono di un contratto lavorativo a tempo indeterminato.




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi