Prestiti a Protestati Autonomi

I prestiti a protestati autonomi sono dei finanziamenti che possono essere richiesti senza la busta paga da coloro che hanno avuto dei disguidi di natura finanziaria e risultano attualmente iscritti nel registro dei protestati.

Mentre per chi possiede la busta paga questo problema può essere risolto con facilità richiedendo un finanziamento con la cessione del quinto dello stipendio, per il lavoratore autonomo le cose vanno a complicarsi.

Prestiti-a-Protestati-Autonomi

Le banche fanno davvero fatica a riporre la propria fiducia in un protestato. Si tratta di un soggetto che non si è comportato correttamente con un altro debito e quindi gli istituti di credito hanno il timore che il richiedente possa ripetere lo stesso errore.

Ed è proprio questo il motivo per il quale la maggior parte delle richieste di prestito personale effettuate dai lavoratori autonomi protestati vengono negate. E’ quindi necessario trovare delle scappatoie e studiare un nuovo metodo per avere nuovamente accesso al credito.

Le soluzioni per chi è alla ricerca di prestiti a protestati autonomi sono principalmente due: la prima è quella di optare per il prestito con garante, la seconda è quella di utilizzare i prestiti cambializzati.



Prestiti a protestati con garante

Il prestito con garante consente al richiedente di riuscire ad avere accesso ad una linea di credito nonostante la sua posizione sia scomoda, in qualità di protestato. Il lavoratore autonomo potrà quindi avvalersi di un garante e presentarsi insieme ad esso durante la richiesta del finanziamento. Il garante prenderà parte al prestito come se fosse lui stesso ad esserne il richiedente. Dovrà quindi a sua volta presentarsi con tutti i documenti necessari per ottenere una linea di credito. Il garante dovrà quindi presentare un documento d’identità, il codice fiscale ed un documento che attesti il proprio reddito. E’ essenziale che chi ricoprirà tale ruolo non sia a sua volta un protestato o un cattivo pagatore.

Prestiti a protestati con cambiali

Il prestito cambializzato permette invece al lavoratore autonomo protestato di accedere ad un finanziamento un po’ insolito da quelli a cui siamo solitamente abituati. Al posto della rata mensile il cliente dovrà occuparsi del pagamento delle cambiali che saranno firmate e quindi sottoscritte nel momento in cui viene stipulato il contratto di prestito. Le cambiali sono a tutti gli effetti dei titoli di credito esecutivi e quindi danno al creditore la possibilità di pignorare tutti i beni del debitore nel caso in cui quest’ultimo dovesse non rispettare i pagamenti. Il prestito con cambiali necessita quindi di garanzie reali, quali ad esempio la proprietà di un immobile.

Il lavoratore autonomo protestato proprietario di una casa potrà utilizzare il proprio appartamento come garanzia, al posto delle classiche garanzie reddituali, ed ottenere il desiderato finanziamento. Anche in questo caso, sarà possibile utilizzare la figura del garante nel caso in cui il lavoratore autonomo protestato non abbia la possibilità di dimostrare che è intestatario di una casa. E’ doveroso ricordare che il cliente o chi per egli farà da garante potrà perdere il diritto di proprietà sul proprio appartamento nel caso in cui le cambiali non saranno correttamente rimborsate.

Le soluzioni per i prestiti a protestati autonomi quindi esistono, probabilmente non saranno alla portata di tutti in quanto in molti casi sarà necessario preoccuparsi di trovare qualcuno disposto a fare da garante, ma l’importante è essere coscienti che nel caso dovesse servire un finanziamento in tempi brevi per occasioni particolari o inaspettate vi è sempre una possibilità per accedere ad una linea di credito.




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi