Fare da Garante

Quando si richiede un prestito, un finanziamento, un mutuo e talvolta anche una casa in affitto (anche se questo è tutt’altro argomento) è possibile che si abbia la necessità di chiedere a qualcuno di fare da garante. Ma cosa significa? E soprattutto, cosa comporta?

Fare da Garante

Fare da Garante per un Prestito

Quando si richiede un prestito l’istituto di credito presso il quale si decide di rivolgersi chiederà delle garanzie. Queste garanzie serviranno a far capire alla banca che il cliente ha le giuste possibilità economiche per poter rimborsare un finanziamento.

Queste garanzie sono rappresentate, nella maggior parte dei casi, dal percepimento di un reddito. Vengono infatti chiamate garanzie reddituali tutte quelle fonti di reddito che vengono percepite con regolarità. Per un istituto di credito le fonti di reddito migliori sono rappresentate dalla busta paga del lavoratore dipendente e dalla pensione del pensionato. Questo perché entrambi hanno un flusso di reddito stabile e continuativo. Cosa significa? Sia la pensione che lo stipendio sono costanti nel tempo e non subiscono variazioni di mese in mese.

La stessa cosa purtroppo non si può dire per il lavoratore autonomo e per i liberi professionisti, categorie di lavoratori che, anche se magari riescono a guadagnare mensilmente molto più di un pensionato o di un lavoratore dipendente non sempre hanno libero accesso ad un finanziamento. Questo perché il lavoratore autonomo non è in grado di dimostrare di ottenere ogni mese una fonte di reddito minima. Mentre il lavoratore dipendente può dimostrare con la sua busta paga di riuscire ad ottenere, ogni mese, almeno 1.200€ (giusto per esempio), il lavoratore autonomo non è in grado di fare altrettanto. Ammettiamo ad esempio che il lavoratore autonomo sia un rappresentate. Nel periodo invernale il lavoratore si ammala e non può andare a lavorare per una settimana. Il tempo perso non verrà recuperato dal punto di vista lavorativo ed il suo reddito, almeno per quel mese calerà. Il lavoratore autonomo quindi non ha una fonte di reddito stabile.

Questo è solo uno dei casi in cui si necessita del garante. Vediamone altri.



 

Quando è richiesto il garante

Il garante è richiesto dalla banca quando il richiedente non ha un reddito stabile, come il caso appena esaminato, quando il cliente non ha reddito (casalinga, studente e disoccupato) o non ne ha a sufficienza (lavoratore part time, precario o pensionato con la pensione minima) e quando il cliente ha avuto in passato dei disguidi finanziari (cattivo pagatore o protestato).

 

Fare da Garante per un Finanziamento

Nella maggior parte dei casi il garante viene utilizzato nei finanziamenti quando il cliente della banca risulta essere un protestato o un cattivo pagatore. In questi casi la partecipazione di tale figura nel prestito personale è quasi indispensabile a meno che non si riesca ad ottenere una cessione del quinto. I prestiti con la cessione del quinto dello stipendio ed i prestiti con la cessione del quinto della pensione sono gli unici finanziamenti dove non è necessario richiedere l’ausilio di un garante nè di eventuali garanzie aggiuntive. Entrambi possono però essere richiesti solo da quei soggetti che possiedono una busta paga o una pensione con una quota del quinto cedibile.

 

Fare da Garante Cosa Comporta

Abbiamo visto quali sono i principali casi in cui è necessario richiedere l’intervento del garante. Ma chi può ricoprire questo ruolo? Cosa comporta fare da garante in un prestito personale, in un finanziamento o in un mutuo?

Il garante viene solitamente scelto tra gli amici ed i parenti. Il motivo è facilmente intuibile dai rischi che si potrebbero ottenere, rischi che solo un parente o un caro amico sarebbero disposti a correre. Vediamoli nel dettaglio.

Il garante dovrà con le sue garanzie reddituali dichiarare alla banca che interverrà nei pagamenti nel caso in cui il debitore non dovesse essere in grado di pagare o, per un qualsiasi motivo, smettesse di rimborsare il finanziamento lasciando il debito scoperto.

Fare da garante corrisponde quindi a prendere un impegno molto importante. Se chi ha richiesto il finanziamento non paga le rate, il garante dovrà procedere, al posto suo, con i pagamenti fino alla completa estinzione del debito.

 

Requisiti del Garante

Il garante per poter ricoprire questa figura deve avere dei particolari requisiti? Si, il garante dovrà essere una persona che ha una fonte di reddito continuativa e dimostrabile e non dovrà aver avuto disguidi finanziari. In poche parole il garante dovrà avere tutti i requisiti che dovrebbe avere il richiedente. Se un soggetto ha quindi tutti i requisiti per poter richiedere un finanziamento potrà fare da garante per un prestito, per un mutuo o per un finanziamento senza alcun tipo di problema.




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi