Cessione del Quinto Milano

La cessione del quinto Milano può essere richiesta da tutti i residenti nel capoluogo della Regione Lombardia e dei paesi che rientrano in questa provincia.

Per poter usufruire della cessione del quinto è necessario avere un requisito fondamentale ovvero è obbligatorio che il richiedente sia un lavoratore dipendente o un pensionato.

Cessione-del-Quinto-Milano

Si tratta di un prestito personale che si divide quindi in due differenti rami, in base a chi effettua la richiesta:

  • La cessione del quinto dello stipendio se la richiesta viene fatta da un lavoratore dipendente che risiede nella provincia di Milano;
  • La cessione del quinto della pensione se la richiesta viene effettuata da un pensionato che ha la residenza a Milano o nella sua provincia.

Come funziona? Quanto è possibile richiedere? Se il funzionamento della cessione del quinto Milano è uguale per qualsiasi istituto di credito, l’importo richiedibile varia invece in base alla società finanziaria presso la quale si fa richiesta. Tramite un finanziamento con la cessione del quinto è possibile rimborsare una rata il cui importo non sia superiore a quanto percepito in busta paga o sul cedolino della pensione.

Se un lavoratore dipendente quindi percepisce uno stipendio di 1.000€ la rata che potrà permettersi di pagare non dovrà superare i 200€. Il calcolo è davvero semplice, basterà prendere l’importo percepito (nel nostro caso 1.000€) e dividerlo per 5 (1000/5=200€).

La cessione del quinto Milano è disponibile anche per cattivi pagatori e protestati, senza la necessità di garanzie aggiuntive. Solitamente i cattivi pagatori ed i protestati hanno delle serie difficoltà ad accedere ad una linea di credito perché vengono iscritti presso degli appositi registri insieme a tante altre persone ritenute a “rischio insolvenza”. I cattivi pagatori ed i protestati infatti possono rappresentare un investimento rischioso per gli istituti di credito in quanto hanno già avuto dei problemi o dei disguidi con altre società finanziarie. Con la cessione del quinto invece tutti questi problemi vengono sorvolati e non ci sarà nemmeno bisogno dell’ausilio del garante.



Questo accade perché non sarà in maniera diretta il lavoratore dipendente o il pensionato ad occuparsi del piano di rimborso e quindi del pagamento delle rate ma c’è chi lo farà per lui. Al posto del lavoratore dipendente quindi vi sarà il suo datore di lavoro che si occuperà del pagamento della rata mensile decurtando l’importo direttamente dalla sua busta paga. Nel caso del pensionato invece ci sarà l’Ente pensionistico che si occuperà di pagare quanto dovuto e di detrarre il relativo importo dal cedolino della pensione del cliente.

Per chi sottoscrive un finanziamento di cessione del quinto vi è un obbligo di legge: si dovrà infatti sottoscrivere una polizza assicurativa sulla vita o vita e lavoro per tutelare sé stessi o i propri eredi nel caso in cui si dovessero verificare dei gravi eventi come il decesso del cliente o la perdita del lavoro. Il beneficiario della polizza assicurativa sarà la società finanziaria che eroga il prestito e pertanto anche se il cliente sottoscriverà la polizza assicurativa tutti i costi della stessa saranno a carico del gruppo bancario.

Un lavoratore dipendente con un regolare contratto di lavoro a tempo determinato che risiede nella città di Milano può richiedere la cessione del quinto o questa è richiedibile solo da chi ha un contratto a tempo indeterminato? Questo genere di finanziamento può essere richiesto in entrambe le situazioni a patto che, nel caso di contratto a tempo determinato, il piano di rimborso scada prima della scadenza del contratto di lavoro.

Un pensionato che percepisce la pensione minima può richiedere la cessione del quinto della pensione? No, chi percepisce quello che viene definito come “minimo indispensabile per la sopravvivenza” non può, purtroppo, richiedere un finanziamento di questo genere in quanto si andrebbe a togliere, appunto dal minimo indispensabile, una quinta parte e si metterebbe quindi a rischio la stabilità economica dell’individuo.




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi