Cessione del Quinto Calcolo

In questo articolo parleremo di cessione del quinto calcolo spiegheremo quindi come avviene il calcolo del prestito personale tramite la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Cessione-del-Quinto-Calcolo

Come si può facilmente intuire dal nome del finanziamento parliamo di cedere una parte del proprio stipendio o della propria pensione, in modo particolare stiamo parlando di un quinto, ogni mese nei confronti del creditore.

Chi usufruisce di tale forma di credito può, per legge, pagare una rata massima di un quinto di quanto viene percepito in busta paga o sul cedolino della pensione. Parlando di busta paga e di cedolino della pensione è di conseguenza intuibile che prestiti tramite la cessione del V possono essere richiesti esclusivamente dai lavoratori dipendenti e dai pensionati.

Affinché la richiesta di finanziamento vada a buon fine è necessario che il pensionato percepisca una pensione superiore a quella definita “minima” perché il suo importo viene considerato come indispensabile per la sopravvivenza e pertanto non sarà possibile detrarne un quinto per pagare la rata di un prestito.

Per quanto riguarda il lavoratore dipendente spesso viene chiesto se il finanziamento mediante la cessione del quinto dello stipendio può essere concesso solo ai lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato. La risposta è semplice, il finanziamento potrà essere erogato anche nei confronti di quei lavoratori che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato, a patto che il piano di rimborso scada prima della scadenza del contratto.



Facciamo un po’ di chiarezza con dei calcoli ed un esempio: il lavoratore dipendente ha un contratto a tempo determinato che scade tra 3 anni e mezzo. Il lavoratore dipendente potrà, come abbiamo già detto, richiedere un finanziamento il cui il rimborso dovrà essere terminato prima che il contratto di lavoro scada. Nell’esempio in questione il prestito con la cessione potrà durare per 3 anni e mezzo, non di più.

Cessione del Quinto Calcolo

Come viene calcolata la cessione del V? Fare il calcolo della rata massima che si potrà sostenere è davvero semplicissimo. Basterà infatti prendere l’importo percepito in busta paga o sul cedolino della pensione al netto e dividere l’importo per 5. Il risultato sarà l’importo massimo della rata che il cliente potrà pagare mensilmente.

Chi richiede un credito di questo genere deve, sempre per obbligo di legge, sottoscrivere una polizza assicurativa che va a tutelare il credito in caso di eventi particolari come il decesso o la perdita del lavoro del cliente. Si tratta di una polizza vita/lavoro dove nella maggior parte dei casi se pur stipulata per conto del debitore chi paga il suo costo è il creditore. Nel caso in cui si dovesse verificare il decesso del cliente o il cliente dovesse perdere (non per sua volontà) il proprio posto di lavoro sarà l’assicurazione ad occuparsi di rimborsare al creditore l’importo residuo del debito.

La cessione del quinto dello stipendio e la cessione del quinto delle busta paga possono essere concessi anche a cattivi pagatori e protestati. Questo può avvenire senza che il debitore sia in possesso di ulteriori garanzie perché non sarà lui direttamente ad occuparsi del rimborso delle rate mensili ma il suo datore di lavoro o il suo ente pensionistico.




Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi